Come l’Ateneo prende in giro gli studenti!


All’attenzione del Presidente NVA ‘La Sapienza’ dott. Cristiano Violani

L e rispondiamo in merito alla mail, nella quale fa riferimento all’ass. EWO2009 e alla Commissione Paritetica della Didattica,  da lei inviata lunedì 22 Nov 2010 07:50:40 e pervenutaci solo per vie traverse, purtroppo.
Leggiamo la sua risposta con rammarico, a causa dell’incompletezza di informazioni presenti nelle sue risposte alle osservazioni ed affermazioni da noi mosse in precedenza.
Ci riferiamo, in particolar modo, alle frasi:
1) “Allarmi infondati lanciati in questi mesi da alcuni studenti e da alcuni docenti”.
Crediamo che leggendo attentamente le nostre considerazioni in merito ai punti che seguono, emergerà chiaramente l’infondatezza di tale asserzione.
2) “Abbiamo però anche notevoli punti di forza e opportunità.  Presentando insieme le due facoltà, grazie alla buona reputazione internazionale e all’impatto della ricerca, l’area di Psicologia figura con Bologna e Padova fra le migliori sedi europee (nella classifica CHE alla Sapienza compaiono solo Fisica e Psicologia). “
In merito a questa frase, Le chiediamo perché non sia stata inserita nel suo contesto originario, facendo riferimento anche alle poche, ma illuminanti, considerazioni da Lei fatte in sede di SA  il giorno 9 Dicembre 2009 : ” Il numero dei ricercatori partecipanti a progetti giudicati positivamente è aumentato, tuttavia va notato che tuttora la Sapienza in tutte le aree risulta partecipare meno della media nazionale. Sottolinea che questa è una politica da incentivare. Si soffre, evidentemente, del fatto che in un corpo docente molto ampio e, in alcune realtà, palesemente pletorico come risulta evidente nelle Facoltà di Medicina, vi sia una quota di ricercatori non più attiva sul piano della ricerca, che fa diminuire sensibilmente gli indici di riferimento. “Riteniamo che questi fatti siano di enorme importanza al fine di permettere a tutti i suoi colleghi, nonché agli studenti di Psicologia 1 e 2, di riflettere con maggior cognizione di causa sull’ “aggregazione”, da noi provocatoriamente ridefinita “Anschluss”, operato dalla IIa Facoltà di Medicina nei confronti delle due ex Facoltà di Psicologia. In tal merito, ricordiamo che uno degli indicatori per l’ulteriore erogazione del FFO, in base al merito, si riferisce specificamente alla ‘quantità’ e alla qualità della ricerca svolta all’interno delle varie Facoltà (i dati debbono essere inviati al CINECA).

3) “Gli allarmi dell’associazione Eyes wide Open […] sono palesemente infondate e illogiche. Valgono purtroppo a prolungare lo status quo e le attuali criticità che […]porteranno a inevitabili penalizzazioni nel nuovo contesto di valutazione e assegnazione delle risorse a dipartimenti e facoltà”
La nostra precedente osservazione (punto 2), peraltro suffragata dalle sue parole in SA, sembra già contraddire pienamente questi suoi timore e affermazioni. Inoltre, mentre noi denunciamo , con indignazione, uno stato di illegalità presente nella nostra Facoltà riguardo alla mancata  istituzione della Commissioni Paritetica della Didattica, come da legge dello Stato (art.12 c.3, 509/99 e 270/04), Lei ci risponde, vagamente, di “infondatezza amministrativa”, senza minimamente fornire un qualsivoglia appiglio burocratico o legislativo a questa sua valutazione – se così si può dire: ci snobba e snobba la legalità.In più, Le facciamo notare come tale Commissione sia prevista anche dalla bozza ‘Regolamento tipo delle Facoltà’, elaborata nel Dicembre 2010. All’interno dell’art. 6, comma 3, è riportato :“Il CdF istituisce una Commissione Didattica, costituita pariteticamente da docenti e studenti con competenze programmatiche, istruttorie e di verifica […].”
Probabilmente questa bozza è stata elaborata durante il suo periodo d’assenza dall’Italia e non ha avuto modo di prenderne atto.
4) “Ho invece dubbi sul fatto che la Commissione Paritetica possa essere realizzata nei termini proposti da EwO, nonché sulla sua esistenza nella facoltà di Ingegneria (non ce ne è traccia nel sito e non è nota né al Preside né ad altri).”

In allegato troverà lo

snapshot relativo al link che ospita la descrizione della Commissione per la Didattica della Facoltà di Ingegneria

snapshot relativo al link che ospita la descrizione della Commissione per la Didattica della Facoltà di Ingegneria

screenshot relativo al link che ospita la descrizione della Commissione per la Didattica della Facoltà di Ingegneria.

Probabilmente anche il Preside di Ingegneria sarà stato fuori dall’Italia, ma per un periodo ragionevolmente superiore al suo.
Le inviamo anche lo snapshot della Consulta Paritetica della Didattica di Scienze della Comunicazione.
5)”Le proposte di nuovo ordinamento riguardano solo le triennali, che sono eventualmente attivabili a partire dal 2011-2012 per il solo primo anno.”
Anche in merito a questo punto le informazioni risultano del tutto incomplete, infondate e tendenziose. Le alleghiamo copia dell’organizzazione delle lauree triennali, prospetto speditoci dal prof, Salvatore Maria Aglioti, comprendente gli insegnamenti di tutti e tre gli anni .Ci permetta questa riflessione: indicare solo il primo anno di un nuovo percorso di laurea mostrerebbe ancora una volta la mancanza di progettualità e di totale mancanza di rispetto nei confronti dei vostri utenti, gli studenti, nonché di serietà; qualità queste che non mancano al Direttore del Dipartimento di Psicologia, evidentemente!
Le auguriamo un buon anno, sperando che le nostre osservazioni siano la base per un lavoro effettivamente cooperativo,trasparente, proficuo e nettamente diverso da quello sin qui svolto dalle rappresentanze studentesche di Facoltà, dagli organi d’Ateneo e dalla Facoltà.
In fede
Armando Alexander Napoletano
Presidente EyesWideOpen2009

 

di seguito la sua mail:

Subject: riordino cds area psicologica ed email di Eyes wide Open
From:
Cristiano.Violani@uniroma1.it
To:
Francesca.Ortu@uniroma1.it; Gabriella.Antonucci@uniroma1.it; Giovannipietro.Lombardo@uniroma1.it;Traute.Taeschner@uniroma1.it; Viviana.Langher@uniroma1.it; Marco.Cecchini@uniroma1.it;Cecilia.Guariglia@uniroma1.it; Annamaria.Speranza@uniroma1.it; Massimo.Ammaniti@uniroma1.it;Marta.Olivetti@uniroma1.it; Giuliocesare.Zavattini@uniroma1.it; Accursio.Gennaro@uniroma1.it; renato_foschi@yahoo.it;Roberto.Baiocco@uniroma1.it; giupyromano@hotmail.it; alessandro.pela@uniroma1.it
CC:
Presmed2@uniroma1.it; info@cnsu.miur.it
Date: Mon, 22 Nov 2010 07:50:40 +0100

Cari Colleghi,

Rientrato dall’European Forum on Quality Assurance ho letto l’email circolare inviata da EwO 2009 che trascrivo in calce. Noto che è rivolta solo a colleghi della ex Facoltà 1. Ma, per propensione personale e per responsabilità istituzionale non mi sono mai sentito estraneo ad essa. Sono anche convinto che la riunificazione nella nuova Facoltà sia utile a risolvere la competizione conflittuale che aveva iniziato a minare la cooperazione sinergica dei primi anni della separazione. Dunque da collega della stessa facoltà invio a mittente e destinatari alcune considerazioni.

–          Riflessioni e scelte importanti come quelle che ci attendono nei prossimi mesi richiedono meno confusione e preoccupazioni, più informazione e fiducia.

–          Allarmi infondati lanciati in questi mesi da alcuni studenti e da alcuni docenti (perdita d’identità, scomparsa della professione di psicologo, esclusione dei ricercatori dall’affidamento di insegnamenti, posti insufficienti per le magistrali, etc.) si risolvono nell’arco di qualche settimana, ma possono ostacolare o ritardare un’applicazione ottimale del nuovo statuto della Sapienza, ledendo gli interessi degli studenti attuali e futuri.

–          Al contrario ci sono molte ragioni e opportunità per riorganizzare al più presto la formazione, la ricerca e l’offerta di servizi in area Psicologica alla Sapienza perseguendo obbiettivi di qualità. Le principali criticità sono note. Abbiamo un’offerta formativa sproporzionata rispetto alle opportunità di occupazione negli ambiti tradizionali delle professioni psicologiche. Le risorse a disposizione sono insufficienti a garantire esperienze e pratiche professionali adeguate a preparare i nuovi professionisti in modo tale da metterli in grado di affermarsi nel mondo del lavoro anche per la qualità della formazione ricevuta.

–          Abbiamo però anche notevoli punti di forza e opportunità.  Presentando insieme le due facoltà, grazie alla buona reputazione internazionale e all’impatto della ricerca, l’area di Psicologia figura con Bologna e Padova fra le migliori sedi europee (nella classifica CHE alla Sapienza compaiono solo Fisica e Psicologia). L’interesse all’immatricolazione resta relativamente alto (ca. 5% dei maturandi, anche se non interessa i “migliori” studenti). Un alto numero di professionisti (sono circa 90.000) rappresenta un ostacolo all’ingresso dei giovani nella professione, ma può essere interessato all’aggiornamento e alla formazione permanente. Vi è una crescente attenzione ai fattori umani in molti ambiti delle attività socio economiche e vi sono molte opportunità nel LifeLongLearning. Mi fermo, senza aver certo esaurito la lista (anche quella delle minacce), ma sono convinto che con un’articolata progettazione, gioco di squadra e tempestivi interventi ci siano buone possibilità di sviluppo sostenibile per la professione e per tutti gli ambiti disciplinari della psicologia.

–          Gli allarmi dell’associazione Eyes wide Open, propagandate da alcuni media e gravi perché – a loro dire- sarebbero alimentate e/o condivise da qualche professore- sono palesemente infondate e illogiche. Valgono purtroppo a prolungare lo status quo e le attuali criticità che, se non affrontate, si aggraveranno e porteranno a inevitabili penalizzazioni nel nuovo contesto di valutazione e assegnazione delle risorse a dipartimenti e facoltà.

–          Le proposte di riorganizzazione su cui si sono pronunciati i Dipartimenti 40,41 e 42, sono state formulate in un contesto istituzionale nuovo e con inevitabili confusioni perché molto è ancora in via di definizione. Tuttavia il contesto culturale della facoltà e il contesto normativo offrono ampie garanzie e vi sono adeguati tempi e spazi  di discussione e riconsiderazione. Si noterà che:

A)                        Le proposte di nuovo ordinamento riguardano solo le triennali, che sono eventualmente attivabili a partire dal 2011-2012 per il solo primo anno.

B)                         Le proposte (da presentare alla Ripartizione IV entro il 20 novembre) sono comunque negoziabili e modificabili nelle interazioni con la Ripartizione, la Commissione Didattica d’Ateneo e il NVA, nonché a seguito della consultazione delle parti sociali interessate, prima dell’approvazione da parte del Senato Accademico, del NVA e della Conferenza regionale che si devono concludere entro il 31 gennaio. Poi, se il nuovo ordinamento sarà approvato dal CUN e dal MIUR, la Facoltà potrà decidere se trasformarlo in un regolamento con l’esplicitazione degli insegnamenti e dei crediti ad essi attribuiti da inserire nella banca data dell’offerta formativa 2011-2012 entro maggio e da attivare (limitatamente al primo anno). Successivamente, entro giugno, verrà definita la programmazione didattica (assegnamenti degli insegnamenti ai docenti). La riorganizzazione delle magistrali avverrà successivamente, tenendo conto che, in caso di approvazione dei nuovi ordinamenti triennali, i loro laureati vi accederebbero a partire dal 2014-2015.

C)                         Se invece non fosse stata presentata alcuna proposta alla Ripartizione, l’avvio dell’intero processo sarebbe rinviato al 2011-2012 e ritardato di un anno.

D)                        Due proposte (due laure o una laura unica articolata in più percorsi differenziati al terzo anno) sono in sostanza entrambe adeguate al nuovo contesto normativo e valutativo nonché alle risorse da impegnare. Invece la proposta di tre lauree triennali avrebbe problemi di sostenibilità e rischia di produrre una separazione fra i tre dipartimenti culturalmente inattuale e poco rispondente all’esigenza condivisa di assicurare una forte preparazione culturale in tutti gli ambiti della psicologia, rimandando la specializzazione scientifica ai corsi magistrali, e poi quella della specializzazione professionale alle scuole di specializzazione universitarie, ai master e ai dottorati.

E)                         E’ amministrativamente infondato il giudizio di illegittimità degli attuali ordinamenti per assenza della Commissione Paritetica e del suo parere.

F)                         Non si può essere che favorevoli a un crescente coinvolgimento degli studenti nella definizione dei programmi dei Corsi di Studio e nella loro valutazione (peraltro è previsto nello Statuto e negli European Standard  per l’assicurazione di qualità dei corsi di studio) Ho invece dubbi sul fatto che la Commissione Paritetica possa essere realizzata nei termini proposti da EwO, nonché sulla sua esistenza nella facoltà di Ingegneria (non ce ne è traccia nel sito e non è nota né al Preside né ad altri).

–          In conclusione occorre non disperdersi in allarmismi, tener ben aperti mente e cervello, progettare intelligentemente il futuro e impegnarsi per realizzare negli attuali corsi di studio i miglioramenti già individuati in vari Rapporti di autovalutazione dalle Commissioni qualità, non solo perché per i prossimi tre anni saremo comunque valutati per i risultati dei corsi attuali, ma perché tutti gli attuali studenti iscrittivi meritano almeno tutti i miglioramenti realizzabili nella attuali difficili circostanze.

Invio a tutti i migliori saluti                                                                               Cristiano

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Blog Stats

    • 15,564 hits
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: